You Are Here: Home » Attualità » Pedara, oggi iniziativa della sen. Tiziana Drago contro la violenza di genere

Pedara, oggi iniziativa della sen. Tiziana Drago contro la violenza di genere

Violenza di genere, assemblea partecipativa

Sabato  18 settembre, ore 18

Expo Due Palmenti- piazza del Popolo, Pedara (CT)

Evento  organizzato  dalla senatrice Tiziana Drago (FdI) in collaborazione del Circolo “Davide Russo” di Pedara

 

Tiziana DragoInvitate al dibatitto isituzioni scolastiche e associazioni

 

Si terrà oggi, sabato 18 settembre, alle ore 18 all’Expo Due Palmenti di  Pedara, piazza del Popolo, l’assemblea partecipativa sul tema “Oltre la violenza tra uomo e donna: Una strada da costruire insieme”, organizzato dalla senatrice Tiziana Drago, FdI, membro della Commissione parlamentare per l’Infanzia e l’Adolescenza, con la collaborazione del coordinatore cittadino FdI, Giuseppe Scarantino e del  Circolo territoriale FdI “Davide Russo”.

Dopo i saluti del sindaco di Pedara, Alfio Cristaudo, del  presidente del Consiglio comunale, Francesco  Laudani, del sindaco della citta metropolitana di Catania, Salvo Pogliese, seguirà l’introduzione della parlamentare Tiziana Drago, l’intervento del presidente Cnoas regione Sicilia, Giuseppe Ciulla, l’intervista alla psicoterapeuta, docente di psicoterapia, già direttore del CTR, Rose Galante. Le conclusioni saranno affidate alla coordinatrice nazionale FdI, Dipartimento  tutela Vittime di Violenza, Cinzia Pellegrino. Invitate al dibatitto isituzioni scolastiche e associazioni. Modera la giornalista Letizia Carrara.

“L’incontro di sabato  prossimo sarà l’occasione per interrogarsi sul ruolo delle comunità educanti, con al centro la scuola, all’interno di un intervento di rete territoriale – anticipa la parlamentare – sull’inarrestabile aumento delle vittime di violenza di genere, sulla reiterazione degli atti persecutori, e talune volte, sulla “inutilità”, dei provvedimenti giudiziari, e occorre capire come non sia sufficiente intervenire puntando solo sul piano repressivo, ma diventi imprescindibile innescare processi di prevenzione che incidano tanto su fattori socio- culturali quanto su quelli affettivo-relazionali. E poi, è necessario porre maggiore attenzione sulla violenza assistita di cui ancora troppo poco si parla. Sappiamo quanto la parola “conflitto” appartenga all’adolescenza ed è proprio attraverso questo l’equilibrato superamento di questo step che avviene la formazione della identità. Tale parola viene usata impropriamente, come contenitore generale (conflitto-violenza), senza sfiorare l’area delle competenze relazionali: dal conflitto, dal contrasto, dalla divergenza si potrebbe non arrivare mai alla violenza”.

 

About The Author

Number of Entries : 140

Leave a Comment

© 2014 EtnaMareReporter.it | Credits

Scroll to top