You Are Here: Home » Attualità » Taormina, Asm approva nuova pianta organica e contratti di servizio

Taormina, Asm approva nuova pianta organica e contratti di servizio

Il consiglio di amministrazione dell’Azienda servizi municipalizzati (Asm) di Taormina, su proposta del direttore generale, Nunzio Priolo ha approvato, come da Statuto vigente, la “Riorganizzazione tabella numerica, organigramma e macrostruttura Asm”, inviata alla Giunta ed al Consiglio Comunale per i necessari adempimenti”. Ad annunciarlo è il presidente della Municipalizzata taorminese, Alfio Auteri (nella foto). Un passo importante questo, visto che la cosiddetta “pianta organica” era attesa da tempo. L’Azienda, guidata anche dai componenti del consiglio di amministrazione, Mario Smiroldo e Stefano Loria, da poco tempo uscita da una lunghissima fase di liquidazione, continua il suo percorso di “normalizzazione “sia amministrativa che tecnica. “Tantissimi i problemi – prosegue Auteri – piccoli grandi e grandissimi, da affrontare con costante attenzione, impegno e visione programmatica. Dopo tantissimo tempo, in pochi ci credevamo e grazie al certosino contributo del Direttore Generale, sono stati concordati ed approvati, con l’Amministrazione Comunale, i “Contratti di Servizio” per i servizi Scuola Bus – Manutenzione Pubblica Illuminazione – Manutenzione Sistema Idrico. A brevissimo termine, verrà discusso ed approvato in Cda il Bilancio 2021, altro step essenziale del percorso avviato. A ruota seguirà il Piano programma 2022-2024 con i contenuti programmatici essenziali per lo sviluppo dell’Asm”. Molta carne al fuoco, dunque, per la principale azienda cittadina e per l’Amministrazione e il Consiglio Comunale. “Completato questo impegnativo iter – conclude il presidente – Taormina potrà guardare con più serenità alla risoluzione di tanti problemi immediati e ad affrontare un serio programma di sviluppo che la faccia uscire dalla impasse derivante dal default e dalla pandemia”.

About The Author

Number of Entries : 259

Leave a Comment

© 2014 EtnaMareReporter.it | Credits

Scroll to top