You Are Here: Home » Attualità » Sicilia, trasporto locale pubblico e privato: Faisa Cisal proclama 4 ore di sciopero per il 21 febbraio a sostegno del futuro dell’Ast

Sicilia, trasporto locale pubblico e privato: Faisa Cisal proclama 4 ore di sciopero per il 21 febbraio a sostegno del futuro dell’Ast

L’ORGANIZZAZIONE SINDACALE  FAISA CISAL  HA  PROCLAMATO UNO SCIOPERO DI QUATTRO ORE SU SCALA REGIONALE PER LA GIORNATA DI MERCOLEDÌ  21 FEBBRAIO 2024.

La SEGRETERIA REGIONALE FAISA CISAL DICE NO AD UNA
FINANZIARIA INIQUA, INADEGUATA E INEFFICACE,  NEI CONFRONTI DEL TRASPORTO LOCALE  PUBBLICO E PRIVATO IN SICILIA.

Il Governo Regionale aveva  previsto una norma ad hoc  per il rilancio dell’Azienda Sicilia Trasporti spa ( Socio Unico Regione Siciliana),  nella legge di stabilità 2024 – 2026, approvata dalla Giunta, ma così, purtroppo non è andata. Tramite tale  norma,   l’ Ast spa, avrebbe goduto di una ricostituzione di capitale  per il superamento della crisi aziendale, ad essa, dovevano essere    destinati, complessivamente, 20 milioni di euro di cui 10 nell’esercizio 2024  e 5 annui  negli esercizi 2025 e 2026.Invece, inaspettatamente, durante l’iter di approvazione della stessa Finanziaria, l’emendamento  è stato  ritirato,  malgrado le assicurazioni fornite  in tal senso,   da parte dello stesso Governo Regionale a mezzo organi di stampa, vedi  LIVESICILIA  del 09. Novembre 2023 “ il Governo scommette sull’ast , venti milioni per rimetterla in gareggiata”.Come sindacato,  unitamente ai lavoratori rappresentati siano essi dipendenti dell’ AST SPA, che lavoratori in somministrazione,  in missione presso la stessa Società, abbiamo creduto  convintamente  che il Governo Regionale stesse prestando finalmente particolare attenzione alla propria Partecipata per  costruire un nuovo percorso di rilancio aziendale,  condiviso con le forze sociali che con tanta pazienza hanno dato fiducia anche all’attuale  Governace aziendale. Invece, si sono aperti nuovi scenari,  più che mai incerti, sviluppatesi  nella  direzione diametrialmente opposta a quelli enunciati, tali da porre in serio pregiudizio  la continuità aziendale della Partecipata Regionale, e con essa,   la tenuta dei livelli occupazionali con particolare riferimento a quelli  dei lavoratori in somministrazione che da anni presentano la propria attività lavorativa in missione,  presso la stessa Partecipata Regionale. Come sindacato,  abbiamo pure  consapevolezza che con il bene placet dei Governi Regionali,  succedutisi nel tempo, di fatto, si  è  voluto agevolare un processo di smobilitazione dell’Azienda Siciliana Trasporti,  a  favore di alcune Aziende e/o Gruppi privati, cosicché da condizionare  significativamente lo stesso sviluppo del TPL  nell’ isola, ciò è dire il privato  “basti pensare che la Partecipata Regionale ha da sempre esercitato le linee più antieconomiche possibili e le Aziende private,  invece,  quelle più remunerative possibili”. Eppure, malgrado i profitti, gli Operatori di Esercizio dipendenti  delle Aziende private,  vengono  sottoposti  a  ritmi,  tempi e turni di lavoro stressanti,  al limite della stessa  tenuta psico –  fisica,   che va a  discapito della stessa regolarità e sicurezza dell’ esercizio automobilistico.

.

About The Author

Number of Entries : 506

Leave a Comment

© 2014 EtnaMareReporter.it | Credits

Scroll to top