You Are Here: Home » Attualità » Galvagno (FDI) su click day

Galvagno (FDI) su click day

Flop Bonus Sicilia. On. Galvagno (FDI): «Metodo obsoleto. Il click day non può e non deve essere un terno al lotto!»

62633070_2112423965533504_2740691508582678528_n

Palermo, 5 ottobre 2020 – A poche ore dal rinvio del ‘click day’ per accedere al Bonus Sicilia, l’on. Gaetano Galvagno, vicepresidente della Commissione Bilancio all’ARS, chiede la sospensione della procedura.

«Lo avevamo detto più e più volte e, come purtroppo volevasi dimostrare, il sistema non ha funzionato. Utilizzare questi giorni per  rimediare alle falle  – afferma l’on. Galvagno – è l’unica soluzione ravvisabile per rispondere concretamente al flop registrato oggi. Il metodo – spiega il parlamentare – è obsoleto, inefficiente e obiettivamente infausto per i titolari delle aziende che con grande sacrificio tentano di restare a galla a seguito del lockdown che nei mesi scorsi ha piegato miseramente la nostra economia. È inutile puntare il dito contro l’assessore al ramo che ha investito tutto l’impegno possibile: si deve adottare un altro sistema perché seppur molte aziende ci sono riuscite, tantissime sono quelle che già nella fase di pre-compilazione delle istanze hanno visto negate le domande di partecipazione al bando pur possedendo i requisiti di partecipazione. Siamo consapevoli che le coperture siano corte rispetto le esigenze di molti, ma ritengo che non possa essere questo il criterio di esclusione da adottare».

download

«Fratelli d’Italia ha sollevato diverse perplessità su questa procedura, già maldestramente utilizzata dal governo Conte dove si premia il caso piuttosto che le reali esigenze delle aziende», aggiunge l’on. Elvira Amata. «Auspichiamo, dunque, che si impieghino questi tre giorni per permettere alle imprese che oggi si sono ritrovate ingiustamente escluse di poter accedere alla misura».

«Il click day non può e non deve essere un terno al lotto!», concludono i parlamentari.

About The Author

Number of Entries : 72

Leave a Comment

© 2014 EtnaMareReporter.it | Credits

Scroll to top