You Are Here: Home » Cronaca » Omicidio Vanessa, la senatrice Drago: “Non bastano le modalità punitive”

Omicidio Vanessa, la senatrice Drago: “Non bastano le modalità punitive”

tiziana drago 1In relazione al tragico accaduto verificatosi ieri nel Catanese, l’omicidio della 26enne Vanessa Zappalà avvenuto per mano dell’ex fidanzato, la senatrice Tiziana Drago, membro della Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza, ha posto l’accento su vari aspetti. “Dinanzi ad una notizia che ci lascia sconcertati – ha osservato in premessa rivolgendo condoglianze ai familiari della vittima – non ci si può limitare a manifestare indignazione ed occorre chiedersi come si possa intervenire a livello governativo e parlamentare al fine di evitare che episodi simili abbiano a ripetersi. Non è possibile procedere soltanto facendo ricorso a modalità punitive e, in questo senso, ritengo che la Scuola debba fare la propria parte, magari organizzando corsi nell’ambito affettivo-relazionale, affinché i giovani possano dare una chiara lettura di quelle che sono le loro emozioni e, dunque, esprimerle, così che, laddove si manifestino disagi, si possa intervenire attraverso le modalità più consone. Spesso, vicende come questa avvenuta ieri sono legate a situazioni di sofferenza personale, che negli anni non vengono affrontate nella modalità adatta. Chiederò – ha concluso la senatrice Drago – un’indagine conoscitiva sul fenomeno che costituisce un autentico problema sociale, afferente a questioni e dinamiche tra le più ampie. Ne parlerò con il presidente della Commissione “Infanzia e adolescenza”, Licia Ronzulli, e con il suo vice, Simone Pillon, nonché con la capogruppo di Fratelli d’Italia, Maria Teresa Belucci. Sarebbe, altresì, auspicabile la promozione di corsi alla genitorialità nelle Scuole, posto che assieme ad un’azione repressiva e opportuno prevederne anche una di carattere preventivo”.

About The Author

Number of Entries : 125

Leave a Comment

© 2014 EtnaMareReporter.it | Credits

Scroll to top